Top 500

Le eccellenze italiane e le nuove prospettive economiche del nostro Paese

Il COVID-19 e la conseguente sospensione delle attività economiche e sociali hanno avuto ripercussioni profonde sull’economia del nostro Paese. Le aziende, già messe a dura prova, continueranno anche nei prossimi mesi ad affrontare significative sfide economiche e finanziarie.

Il momento di ripartenza è particolarmente complesso ed articolato: tra le incognite ci sono la cosiddetta “Shortage economy” e la gestione degli approvvigionamenti, la crescita del prezzo dell’energia e delle materie prime, la mancanza di capitale umano.

In questo contesto il PNRR costituisce sicuramente un importante aiuto per il futuro dell’economia: non solo per i benefici che le aziende italiane potranno trarre in termini di transizione digitale ed ecologica, ma anche per la reindustrializzazione di alcune aree del nostro Paese.

Durante la nuova edizione del progetto Top 500, PwC vuole essere al fianco degli imprenditori per facilitare la comprensione del contesto attuale, aiutando le imprese ad attingere alle imponenti risorse messe a disposizione dall’Europa in base alle peculiarità dei diversi territori.

Le tappe

Top 100 Il Nord-Est al decollo

Cosa è avvenuto durante la pandemia alle principali aziende del Nordest? Come sono cambiate le imprese e con quale spinta stanno affrontando la ripresa? 

È questo il tema dell’evento “Top 100: il Nordest al decollo”, che si inserisce all'interno del progetto Top 100 Nordest, per raccontare i protagonisti e le storie delle aziende principali del Veneto e del Friuli Venezia Giulia.

{{filterContent.facetedTitle}}

Top 100 La Forza delle Donne

Top100 Nord Est non è solo una classifica ma vuole essere uno strumento per raccontare i protagonisti e le storie delle aziende guida nel Triveneto. Il progetto prevede un ciclo di eventi ibridi nei territori di Veneto e Friuli Venezia Giulia. 

Le prime due tappe, organizzate in collaborazione con Nord Est Economia e con il contributo di Fondazione Nord Est, vedranno sul palco esclusivamente protagoniste donne dell’impresa: un'occasione senza precedenti per cogliere come un numero crescente di donne partecipa alla guida di alcune delle maggiori aziende del Triveneto e nazionali.

{{filterContent.facetedTitle}}

Top 5007 Parma

Playback of this video is not currently available

1:18:09

Top 500 Parma

Analizzare numeri e trend dell'anno del Covid rappresenta quindi un punto di partenza fondamentale per il futuro, per misurare la capacità di ripresa delle imprese del territorio e cogliere la sfida del PNRR.

 

Gli effetti della pandemia si sono fatti inevitabilmente sentire anche sull'economia parmense. Ma il tessuto industriale ha retto meglio che altrove, trainato soprattutto da settori come l'alimentare e la chimica, che hanno registrato fatturati molto significativi. 

Analizzare numeri e trend dell'anno del Covid rappresenta quindi un punto di partenza fondamentale per il futuro, per misurare la capacità di ripresa delle imprese del territorio e cogliere la sfida del PNRR.

Top 500 Campania

Playback of this video is not currently available

2:30:53

Top 500 Campania

Il PNRR rappresenta un'importante occasione per il rilancio del mezzogiorno: la vitalità economica della Campania induce a prevedere una crescita decisiva grazie al forte tessuto imprenditoriale locale, alle punte d'eccellenza e alla spinta delle PMI innovative.

 

Il PNRR rappresenta un'importante occasione per il rilancio del mezzogiorno: la vitalità economica della Campania induce a prevedere una crescita decisiva grazie al forte tessuto imprenditoriale locale, alle punte d'eccellenza e alla spinta delle PMI innovative.

Top 500+ Monza e Brianza

Playback of this video is not currently available

1:53:24

Top 500+ Monza Brianza

Nel 2020, il tessuto economico della provincia di Monza e Brianza si è dimostrato molto reattivo e competitivo riaffermando la sua vocazione fortemente manifatturiera, e nel 2021 il 79% delle imprese del territorio prevede di chiudere l'anno sui livelli del 2019. In particolare, le imprese del territorio dimostrano di essere reattive e di saper guardare verso uno sviluppo sostenibile, investendo in innovazione e digitalizzazione. Questa focalizzazione, assieme a tutte le opportunità del PNRR consentiranno un'evoluzione a maggior valore aggiunto del modello di business aziendale del territorio nel medio periodo.

Top 200 Lodi

Nel 2020 oltre il 42% delle imprese di Lodi e provincia prese in esame dalla ricerca Top 200 ha registrato un aumento di fatturato nonostante la crisi economica legata alla pandemia.
 
Nel 2021 la ripartenza è stata quindi importante: secondo la survey, con ricavi totali pari a 7,8 miliardi di euro, le aziende del lodigiano in utile sono l’82% e il 74% delle imprese prevede di chiudere l'anno sui livelli del 2019.
 
Per consolidare e dare nuovo impulso allo sviluppo del territorio, riequilibrare il gap tra domanda e offerta di lavoro e cogliere le opportunità offerte dal PNRR, diventa strategico il tema della formazione: occorre infatti lavorare sia sulle competenze dei giovani in uscita dai percorsi formativi sia sulle skill dei lavoratori già occupati.

Top 500 Pordenone

Playback of this video is not currently available

1:06:52

Top 500 Pordenone

Il 2020 è stato un anno complesso, ma sul fronte dei ricavi ha mostrato la capacità delle imprese del Friuli-Venezia Giulia di reggere meglio che a livello nazionale. 

Le aziende devono ora far fronte a nuove grandi opportunità e importanti sfide, prima tra tutte quella della digitalizzazione. Affinché la trasformazione digitale avvenga però con successo è necessario cambiare, affrontare adeguatamente il rischio informatico e riuscire a individuare e trattenere i talenti con le giuste competenze. 

Top 500 Udine

Playback of this video is not currently available

1:07:34

Top 500 Udine

La provincia è il cuore manifatturiero del Friuli Venezia Giulia: i talenti al centro dello sviluppo futuro delle imprese, le persone, la capacità di attrarle e di tenerle. Questo il perno dello sviluppo delle aziende e la parola chiave dell'appuntamento di Top 500 di Udine. Imprese che innovano, assumono, investono. 

Aziende con una forte vocazione alle esportazioni e molte internazionalizzate, in grado di presidiare tantissimi mercati e operative in molteplici settori.

Top 500 Padova

Playback of this video is not currently available

1:10:38

Top 500 Padova

Uno scenario economico più polarizzato, questa è l'eredità più visibile lasciata dalla pandemia. 

Per le imprese padovane la strada per la ripresa passa attraverso investimenti in ricerca, innovazione e digitale. Il tutto con un occhio di riguardo alla sostenibilità, intesa come attenzione non solo all'ambiente e alle scelte energetiche, ma anche al ruolo delle persone, il fulcro di qualsiasi rilancio economico possibile.

Top 500 Venezia

Playback of this video is not currently available

1:16:56

Top 500 Venezia

L’economia veneta ha risentito duramente dalla pandemia, in quanto strettamente legata ai settori del turismo, del commercio, dei trasporti e delle infrastrutture. Tuttavia, la solidità patrimoniale e le competenze delle imprese della provincia hanno rappresentato un solido ancoraggio per l'insieme delle aziende venete.

La strada per la ripresa passa ora attraverso la sostenibilità, che rappresenta per le aziende una leva strategica in grado di favorire una crescita economica nel medio e lungo periodo attraverso investimenti in progetti di economia sostenibile, digitale e circolare, in coerenza con gli obiettivi del PNRR.

Top 500 Trieste

Playback of this video is not currently available

1:12:36

pwc-top500-trieste

Le imprese friulane, nonostante il forte calo dei ricavi subito nel 2020, hanno retto meglio rispetto al resto del Paese dimostrando una capacità importante di reazione e tenuta del tessuto imprenditoriale del territorio.
 
Particolarmente importanti per lo sviluppo dell’area di Trieste e provincia sono gli investimenti previsti nel settore delle infrastrutture, in particolare le opere di ammodernamento e sviluppo delle infrastrutture logistiche portuali

Gli oltre 416,5 milioni stanziati dal PNRR per il potenziamento dello snodo portuale e gli importanti investimenti da parte di operatori privati europei daranno infatti un impulso decisivo alla competitività e alla sostenibilità energetica dello scalo, che rappresenta un vero e proprio asset strategico per il Paese.

Top 500 Belluno

Playback of this video is not currently available

1:02:20

Top 500 Belluno

Se il 2020 ha lasciato un’eredità severa alle prime 100 aziende della provincia di Belluno che sono state analizzate da PwC e dell’Università di Padova, il 2021, nonostante le criticità legate alla crisi sanitaria e al costo dei materiali e dell’energia, è stato un anno di ripresa.

Il 2022 sarà ora per le imprese bellunesi all’insegna della fiducia e delle opportunità: dalla mobilità al turismo, l’apporto delle risorse del PNRR permetterà di valorizzare in maniera significativa l’intera provincia, comprese le aree considerate più periferiche come quelle montane.

A tali importanti investimenti si aggiungono inoltre le Olimpiadi Invernali, che rappresenteranno un booster fondamentale per l’intero territorio e saranno in grado di attrarre giovani e trattenere questo capitale umano, vero volano di sviluppo del Paese.

Top 500 Verona

Playback of this video is not currently available

1:58:13

Top 500 Verona

Ammonta a 54,65 miliardi di euro il fatturato delle prime 500 imprese di Verona e provincia nel 2020; il tessuto economico scaligero si è lasciato alle spalle un anno, il 2020, fortemente condizionato dalla pandemia.

I fondi messi a disposizione dal PNRR rappresentano dunque per le imprese veronesi un’opportunità storica, in quanto permettono di investire sulle infrastrutture richieste dalla trasformazione digitale e sul capitale umano, vera leva di sviluppo che abilita nuove possibilità di ripartenza del territorio e dell’Italia intera.

Top 500 Vicenza

Playback of this video is not currently available

2:17:36

Top 500 Vicenza

Le aziende vicentine hanno pagato lo scotto del lockdown e dei fermi produttivi, facendo scendere il fatturato a 32 miliardi con un calo del 7% rispetto all'anno precedente. Ma tutti gli altri indicatori, a partire dai margini di redditività e dall'attivo, hanno tenuto, segno di un corpo industriale ancora in stato di salute. Il 2021 ha poi registrato una ripresa superiore alle attese. Adesso si tratta di cogliere la sfida del PNRR, che prevede tappe precise e cadenzate per ottenere i finanziamenti europei fondamentali per la ripartenza.

Top 500 Treviso

Playback of this video is not currently available

1:10:24

Top 500 Treviso

Se l’epoca pandemica si è abbattuta sulle imprese di Treviso e provincia colpendone l’andamento dei ricavi, ha pure mostrato come la struttura patrimoniale e il modello di business siano rimasti solidi.

Ma il vero vantaggio competitivo per le aziende è rappresentato da persone e innovazione sostenibile. Per attrarre nuovi talenti servono però nuovi modelli di leadership e nuovi strumenti di gestione, mentre per implementare più efficacemente le tematiche ESG nella strategia aziendale è necessaria quella flessibilità tipica delle imprese familiari italiane.

Top 500 Brescia

Playback of this video is not currently available

2:02:37

Top 500 Brescia

Risorse e tecnologie, capitale umano e talenti. Sono i pilastri sui quali dovrà sostenersi il mondo economico bresciano che dopo il lockdown dovrà affrontare il post pandemia in un contesto profondamente trasformato al livello globale.

Il PNRR è una grande opportunità per disegnare un percorso di crescita economica sostenibile e duratura. Una sfida per la Pubblica Amministrazione e le Imprese che sono chiamate a scelte strategiche che possano consentire loro di operare come parti attive del sistema.

Top 200 Puglia

Playback of this video is not currently available

1:51:54

Top 200 Puglia

Con un aumento dei ricavi dello 0,8% rispetto all’anno precedente, le imprese pugliesi hanno dimostrato nel 2020 la propria resilienza e superato complessivamente bene la pandemia.

Fondamentali per trainare lo sviluppo dell’economia della regione saranno ora le attività delle aziende sul tema della sostenibilità, che comprendono sia le azioni volte a ridurre l’impatto ambientale sia l’attenzione al benessere dei propri dipendenti, della società e dei territori.  

La sostenibilità rappresenta poi un requisito fondamentale per beneficiare dei fondi stanziati dal Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza e, insieme alle pratiche di buona governance diventano un fattore determinante per sfruttare le opportunità economiche del territorio.

Top 500 Bergamo

Playback of this video is not currently available

1:30:45

Top 500 Bergamo

Il 2021 è stato un anno di vero rilancio per l’Italia e per Bergamo. Tuttavia, fattori macroeconomici e geopolitici stanno evidenziando criticità che creano incertezze e si frappongono a un pieno rilancio delle imprese e delle economie.

Nonostante le riforme e gli investimenti previsti dal PNRR, infatti, la ripartenza è minacciata dal crescente fenomeno della “Shortage Economy” causato da una domanda di gran lunga superiore all’offerta.

Per riuscire a mettere a terra azioni e progetti volti alla crescita e lo sviluppo dell’economia dei territori diventa oggi strategico ragionare in ottica di sistema attraverso la creazione di filiere forti, capaci di promuovere processi di aggregazione e propulsione di cambiamenti rilevanti sia in termini di innovazione che di crescita sostenibile, anche nella transizione energetica.

Top 500 Torino

Playback of this video is not currently available

1:21:10

Top 500 Torino

La pandemia ha colpito duramente le imprese di Torino e provincia e ha messo a dura prova i ricavi e margini delle imprese, specialmente nell’ambito dei beni di consumo e dell’industria.  

Tuttavia, l’economia torinese ha dato prova di resilienza: l’efficace leva degli investimenti ha infatti permesso di sviluppare nuove attività innovative e sostenibili e di puntare sul vero fulcro dell’economia, le persone.

L’agenda dell’innovazione di Torino punta su 6 macro-temi per il futuro: Fabbrica 4.0 per il filone manifatturiero, smart mobility, salute digitale, fintech, settore agri-food tech e il cultural heritage.

Per raccogliere le sfide dell’innovazione, le imprese dovranno quindi continuare a puntare su tecnologia ed energia, due leve strategiche fondamentali per contrastare il momento di crisi attuale e rilanciare l’economia dei territori.

Top 5008 Romagna

Playback of this video is not currently available

1:41:48

Top 500 Romagna

Il Covid e la sospensione delle attività hanno avuto conseguenze profonde per il territorio romagnolo: se il 2021 aveva dato speranza agli imprenditori locali, il 2022 si sta invece dimostrando un anno pieno di incognite.

Sebbene anche in Romagna i fatturati non siano cresciuti e i margini si siano ridotti, molte imprese, soprattutto del settore alimentare, hanno dimostrato sul campo la propria solidità.

La trasformazione digitale, l’orientamento delle proprie attività verso la sostenibilità e il rispetto dei valori saranno le sfide che aiuteranno le imprese romagnole a crescere in un mondo in continuo cambiamento.

Top 500 Piacenza

Playback of this video is not currently available

1:18:11

Top 500 Piacenza

Dopo gli scossoni degli ultimi anni il mondo imprenditoriale piacentino sta ripartendo con ottimismo, coraggio, competenze e flessibilità. Molte imprese del territorio sono state in grado di resistere e di modificare il proprio business in questo periodo segnato dalla pandemia facendo crescere il fatturato nel secondo semestre 2021 di quasi il 23% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente e gli investimenti del 33%.

I fondi messi a disposizione dal PNRR rappresentano dunque per le imprese un’opportunità storica, in quanto permettono di investire sulle infrastrutture richieste dalla trasformazione digitale e sul capitale umano, vera leva di sviluppo che abilita nuove possibilità di ripartenza del territorio e dell’Italia intera.

Top 500 Firenze

Playback of this video is not currently available

1:22:51

Top 500 Firenze

Nell’area di Firenze sono le imprese più grandi ad aver sofferto maggiormente le conseguenze della pandemia, tuttavia la struttura patrimoniale delle aziende locali resta sufficientemente solida.

Per un vero rilancio dei territori è necessario che le imprese fiorentine colgano le opportunità offerte dalla transizione ecologica e dalla digitalizzazione: serve investire in evoluzione e utilizzare i fondi previsti dal PNRR per ridurre il gap infrastrutturale, superare la frammentazione del sistema produttivo e permettere così la creazione di poli di eccellenza in grado di alimentare lo sviluppo e l’innovazione di Firenze e di tutto il Paese.

Top 50011 Bologna

Playback of this video is not currently available

1:54:15

Top 500 Bologna

Il Covid e la crisi che ha innescato hanno colpito duro anche Bologna: i fatturati non sono cresciuti e i margini si sono ridotti, anche se molte imprese hanno dimostrato la propria solidità.

La trasformazione digitale, l’orientamento delle attività verso la sostenibilità e il rispetto dei valori ESG sono tutte sfide che aiuteranno le imprese bolognesi a crescere.

E i fondi stanziati del PNRR potranno aiutare proprio in questo: serviranno infatti ingenti investimenti per ridurre il gap infrastrutturale, velocizzare la pubblica amministrazione e armonizzare i motori economici della regione, dal turismo alle fiere, al sistema aeroportuale, così da rilanciare l’economia locale e disegnare la Bologna del domani.

Top 500 Liguria

La crisi pandemica ha duramente colpito l’economia ligure, arrestando il trend di crescita.

Dopo il forte rimbalzo nel 2021, la crescita in Liguria nel 2022 è minacciata da una serie di incertezze, su tutte l’inflazione: l’aumento dei prezzi delle materie prime e del costo dell’energia e i forti impatti sulla catena logistica e di approvvigionamento, obbliga infatti le imprese del territorio a fare scelte strategiche per rimanere competitive e cogliere le sfide di un mercato in continua evoluzione.

Playback of this video is not currently available

2:11:15

Top 500 Liguria

È oggi infatti necessario che le imprese ripensino la propria strategia aziendale e i modelli di organizzazione del proprio business, incentivando la cultura del cambiamento.

Per raggiungere tali obiettivi sarà quindi fondamentale gestire la transizione energetica ed ecologica, accelerare il percorso di trasformazione digitale e crescere attraverso operazioni di aggregazione che consentano l’ingresso in nuovi mercati e l’aumento della produttività.

In questo contesto si rivelerà cruciale la capacità del sistema ligure di attrarre le ingenti risorse finanziarie messe a disposizione delle imprese, PNRR in primis.

Le precedenti edizioni di Top 500: 2020/2021 2019/2020

Coordinatore scientifico

Nicola Anzivino

Partner, PwC Italy

E-mail