Banking and capital markets

 

 

L'industria bancaria e degli intermediari finanziari sta attraversando un periodo di profondi cambiamenti, con impatti su strategie e modelli di business che disegneranno la struttura del settore per i prossimi decenni.

Sul piano competitivo, la maturazione di disruptive technologies sta comportando una radicale rivisitazione dei modelli di business e distributivi, con la crescita di mobile e social banking e con i conseguenti impatti sull'offerta commerciale e sui modelli di servizio della rete fisica. Tale processo viene ulteriormente accelerato da spinte regolamentari (es.: PSD2, MIFID2, GDPR) con implicazioni sempre più pervasive sul product offering, incluse le value proposition innovative basate sulla (big) data monetization.

Sul piano regolamentare, l'avvio dell'Unione Bancaria e l'entrata in vigore del Single Supervisory Mechanism stanno contribuendo ad allargare l'arena competitiva nel quale operano le banche italiane, in un contesto di accresciuta disclosure, maggiori requisiti di capitale e riduzione della leva con focus sulla gestione degli NPLs. Il focus delle principali istituzioni si sposta sempre più su soluzioni RegTech volte a contenere i costi operativi derivanti da implementazioni normative.

A livello nazionale, la riforma del credito cooperativo e la necessità di perseguire business model che garantiscano maggiori livelli di profittabilità, hanno dato avvio ad una fase di reshaping del settore; in tale contesto, le implicazioni del “bail-in” stanno favorendo un processo di consolidamento.

 

 

L'industria bancaria e degli intermediari vigilati sta attraversando un periodo di cambiamenti che non è eccessivo definire epocali e che disegneranno la struttura del settore per i prossimi decenni. Sul piano regolamentare, l'avvio dell'Unione Bancaria e l'entrata in vigore del Single Supervisory Mechanism stanno contribuendo ad allargare l'arena competitiva nel quale operano le banche italiane, in un contesto di accresciuta disclosure, maggiori requisiti di capitale e riduzione della leva con focus sulla gestione degli NPLs. Sul piano competitivo, la maturazione di disruptive technologies sta comportando una radicale rivisitazione dei modelli di business e distributivi, con la crescita di mobile e social banking e con i conseguenti impatti sull'offerta commerciale e sui modelli di servizio della rete fisica. Su un piano nazionale, la riforma del credito cooperativo e la necessità di perseguire business model che garantiscano maggiori livelli di profittabilità, hanno dato avvio ad una fase di reshaping dell'arena competitiva che potrà portare a notevoli evoluzioni già nel corso del 2017.

 

L'industria bancaria e degli intermediari vigilati sta attraversando un periodo di cambiamenti che non è eccessivo definire epocali e che disegneranno la struttura del settore per i prossimi decenni. Sul piano regolamentare, l'avvio dell'Unione Bancaria e l'entrata in vigore del Single Supervisory Mechanism stanno contribuendo ad allargare l'arena competitiva nel quale operano le banche italiane, in un contesto di accresciuta disclosure, maggiori requisiti di capitale e riduzione della leva con focus sulla gestione degli NPLs. Sul piano competitivo, la maturazione di disruptive technologies sta comportando una radicale rivisitazione dei modelli di business e distributivi, con la crescita di mobile e social banking e con i conseguenti impatti sull'offerta commerciale e sui modelli di servizio della rete fisica. Su un piano nazionale, la riforma del credito cooperativo e la necessità di perseguire business model che garantiscano maggiori livelli di profittabilità, hanno dato avvio ad una fase di reshaping dell'arena competitiva che potrà portare a notevoli evoluzioni già nel corso del 2017.

 

L'industria bancaria e degli intermediari vigilati sta attraversando un periodo di cambiamenti che non è eccessivo definire epocali e che disegneranno la struttura del settore per i prossimi decenni. Sul piano regolamentare, l'avvio dell'Unione Bancaria e l'entrata in vigore del Single Supervisory Mechanism stanno contribuendo ad allargare l'arena competitiva nel quale operano le banche italiane, in un contesto di accresciuta disclosure, maggiori requisiti di capitale e riduzione della leva con focus sulla gestione degli NPLs. Sul piano competitivo, la maturazione di disruptive technologies sta comportando una radicale rivisitazione dei modelli di business e distributivi, con la crescita di mobile e social banking e con i conseguenti impatti sull'offerta commerciale e sui modelli di servizio della rete fisica. Su un piano nazionale, la riforma del credito cooperativo e la necessità di perseguire business model che garantiscano maggiori livelli di profittabilità, hanno dato avvio ad una fase di reshaping dell'arena competitiva che potrà portare a notevoli evoluzioni già nel corso del 2017.

 

L'industria bancaria e degli intermediari vigilati sta attraversando un periodo di cambiamenti che non è eccessivo definire epocali e che disegneranno la struttura del settore per i prossimi decenni. Sul piano regolamentare, l'avvio dell'Unione Bancaria e l'entrata in vigore del Single Supervisory Mechanism stanno contribuendo ad allargare l'arena competitiva nel quale operano le banche italiane, in un contesto di accresciuta disclosure, maggiori requisiti di capitale e riduzione della leva con focus sulla gestione degli NPLs. Sul piano competitivo, la maturazione di disruptive technologies sta comportando una radicale rivisitazione dei modelli di business e distributivi, con la crescita di mobile e social banking e con i conseguenti impatti sull'offerta commerciale e sui modelli di servizio della rete fisica. Su un piano nazionale, la riforma del credito cooperativo e la necessità di perseguire business model che garantiscano maggiori livelli di profittabilità, hanno dato avvio ad una fase di reshaping dell'arena competitiva che potrà portare a notevoli evoluzioni già nel corso del 2017.

 

L'industria bancaria e degli intermediari vigilati sta attraversando un periodo di cambiamenti che non è eccessivo definire epocali e che disegneranno la struttura del settore per i prossimi decenni. Sul piano regolamentare, l'avvio dell'Unione Bancaria e l'entrata in vigore del Single Supervisory Mechanism stanno contribuendo ad allargare l'arena competitiva nel quale operano le banche italiane, in un contesto di accresciuta disclosure, maggiori requisiti di capitale e riduzione della leva con focus sulla gestione degli NPLs. Sul piano competitivo, la maturazione di disruptive technologies sta comportando una radicale rivisitazione dei modelli di business e distributivi, con la crescita di mobile e social banking e con i conseguenti impatti sull'offerta commerciale e sui modelli di servizio della rete fisica. Su un piano nazionale, la riforma del credito cooperativo e la necessità di perseguire business model che garantiscano maggiori livelli di profittabilità, hanno dato avvio ad una fase di reshaping dell'arena competitiva che potrà portare a notevoli evoluzioni già nel corso del 2017.

 

L'industria bancaria e degli intermediari vigilati sta attraversando un periodo di cambiamenti che non è eccessivo definire epocali e che disegneranno la struttura del settore per i prossimi decenni. Sul piano regolamentare, l'avvio dell'Unione Bancaria e l'entrata in vigore del Single Supervisory Mechanism stanno contribuendo ad allargare l'arena competitiva nel quale operano le banche italiane, in un contesto di accresciuta disclosure, maggiori requisiti di capitale e riduzione della leva con focus sulla gestione degli NPLs. Sul piano competitivo, la maturazione di disruptive technologies sta comportando una radicale rivisitazione dei modelli di business e distributivi, con la crescita di mobile e social banking e con i conseguenti impatti sull'offerta commerciale e sui modelli di servizio della rete fisica. Su un piano nazionale, la riforma del credito cooperativo e la necessità di perseguire business model che garantiscano maggiori livelli di profittabilità, hanno dato avvio ad una fase di reshaping dell'arena competitiva che potrà portare a notevoli evoluzioni già nel corso del 2017.

 

{{filterContent.facetedTitle}}

{{contentList.dataService.numberHits}} {{contentList.dataService.numberHits == 1 ? 'result' : 'results'}}
{{contentList.loadingText}}

Contact us

Pier Paolo Masenza
Financial Services Leader, PwC Italy
Tel: +39 06 570252472
E-mail

Rodolfo Pesati
Partner | Financial Services Consulting Leader, PwC Italy
Tel: +39 02 7785578
E-mail

Follow us