Il Green IT e le aziende

View this page in: English

GIT 2010 Report Presentazione Comunicato stampa


L’impatto del Green IT

I consumi di energia per la gestione dell’IT sono, a livello mondiale, responsabili di circa il 2% delle emissioni complessive del pianeta, e comparabili ad oggi a quelle dell’intero settore dell’Aviation: merita quindi dedicare loro delle analisi specifiche. La tematica riguarda inoltre qualsiasi tipo di organizzazione: tutti i settori ne sono interessati e l’obiettivo di riduzione delle emissioni connesse all’IT, da parte di qualsiasi organizzazione, significa quasi sempre anche risparmiare dei costi.

C’è ancora da dire qualcosa sul Green IT?

Fino ad oggi il Green IT era prevalentemente associato alla possibilità di rinnovamento tecnologico grazie alla sostituzione di macchinari con prestazioni superiori e consumi inferiori. Riteniamo, tuttavia, e i risultati della prima ricerca ci confortano in tal senso, che ben più ampio sia il concetto di Green IT perché esso include non solo la componente “hard”, le macchine appunto, ma anche le modalità con cui queste sono impiegate. Combinando questi due aspetti, le efficienze conseguibili, e oggi mediamente inespresse dall’intero sistema economico, sono rilevanti.
Per le imprese spesso risulta difficile individuare in modo puntuale i costi collegati ai consumi a fronte di modelli e di strumenti di rilevazione degli stessi che raramente forniscono dati quantitativi adeguati. In questo senso si può dire che oggi, nei fatti, ci si scontra con una difficoltà “sistemica” delle imprese nel conoscere con precisione i costi connessi all’utilizzo dei sistemi informativi per poterne calcolare correttamente emissioni, impatti, efficienze, risparmi, ecc… e proprio per questo merita studiare e monitorare ciò che verrà realizzato nei prossimi anni a livello internazionale.
Occorre sottolineare che, se da un lato numerose recenti iniziative sono state rivolte alla difficile analisi di scelte che possano permettere una cost reduction, esistono anche aziende virtuose per le quali il Green IT, invece, ha abbracciato una visuale più ampia ed ha approcciato le tematiche della sostenibilità attraverso una prospettiva allargata, incorporando politica aziendale, strategia, IT governance, ed il comportamento del personale.

La sfida del Green IT per le aziende

Il Green IT quindi, inteso come l'applicazione dell'innovazione nel settore dell’Information Technology allo scopo di conservare l'ambiente naturale e le risorse:
  • Rappresenta un'opportunità di ulteriore impegno verso la “sostenibilità” e la “responsabilità sociale” per le imprese che abbiano già intrapreso delle azioni virtuose nell’ambito del miglioramento ed efficientamento dei propri processi produttivi;
  • Costituisce una sfida per il management, che si trova a misurarsi, tra gli altri, con i seguenti quesiti:
    • Quali potrebbero essere i risparmi derivanti da un approccio strategico al Green IT?
    • Dove si colloca la maggiore opportunità per migliorare il footprint ambientale dell’impresa?
    • La fornitura IT soddisferà i requisiti normativi e le richieste degli investitori e dei consumatori, in uno scenario economico improntato alla riduzione dei gas serra?
  • È un'opportunità di conseguire risparmi energetici e nel contempo assicurare eccezionali ritorni sugli investimenti.

Il Green IT Report 2010

Il Green IT Report 2010, che rappresenta una recente ricerca su questo tema di crescente rilevanza ed attualità, si è posta gli obiettivi di:
  • Comprendere gli approcci alla tematica da parte delle diverse aziende, sia in Europa che negli Stati Uniti;
  • Monitorare le scelte strategiche delle imprese, ovvero l’evoluzione di come si organizzano per contenere e ridurre, nel tempo, le emissioni di gas serra ed i costi dell’energia ad esse correlati e come si strutturano per affrontare al meglio le sfide del Green IT;
  • Fornire sintesi che possano essere da stimolo al sistema impresa, attraverso la presentazione di quelle soluzioni che possono essere scelte come best practice o best in class settoriali.