Progetto Corporate governance per l'Italia

View this page in: English

Finora in Italia l'argomento della Corporate Governance è stato trattato con un'ottica prevalentemente di tipo legale e normativo. E' da tempo nostra convinzione che il tema, per essere affrontato e risolto efficacemente, richieda anche l'apporto di competenze diverse da quelle giuridiche. Sono in particolare essenziali anche conoscenze finanziarie, economiche, informatiche, organizzative, manageriali e strategiche. Questa convinzione ci ha portato a tracciare le linee del "Progetto Corporate Governance per l'Italia", sull'onda del grande successo che aveva ottenuto negli Stati Uniti d'America una analoga iniziativa. Il progetto statunitense era stato commissionato dalla Treadway Commission del Committee of Sponsoring Organisations (CoSO) alla PricewaterhouseCoopers USA, proprio perché ritenuta meglio in grado di mobilitare tutte le diverse competenze citate, e si è concluso con un Rapporto, il cosiddetto "CoSO Report", che ha raggiunto una tiratura di 40.000 copie già nella prima edizione. Tale Rapporto è diventato oggi negli Stati Uniti d'America uno strumento indispensabile di supporto metodologico e attuativo per moltissimi tra gli operatori più rappresentativi del mondo economico, istituzionale e accademico.

Ciò di cui siamo più orgogliosi è l'idea di aver promosso l'istituzione di un Comitato Scientifico "operativo" e non "onorifico", convinti che solo un progetto di grande respiro, concepito sin dal suo nascere "a più voci", e quindi tale da potersi avvalere della ricchezza e della molteplicità di esperienze di vissuto aziendale di diverse Personalità competenti, vero "patrimonio" del Sistema Paese, potesse assicurare il contributo più articolato e concreto per rendere possibile una ridefinizione dei termini di riferimento di una buona Corporate Governance anche in Italia. Il Comitato Scientifico è stato costituito da personalità illustri appartenenti al sistema bancario, assicurativo e industriale, al mondo delle istituzioni, delle università e delle professioni, resisi disponibili ad esaminare la documentazione prodotta e ad esprimere, in piena libertà, pareri, risposte, orientamenti, indirizzi.